Chiama l'Ufficio Guide +39 0436 868505

Ferrata Ettore Bovero

COSTO A PERSONA € 110

La seppur breve e verticale salita è di estrema soddisfazione per l’ esperto escursionista, accolto sulla cima dall’ insospettato belvedere sulla Valle e sulle montagne di Cortina.

Descrizione

AREA

Dolomiti – Tofane

CIMA

Col Rosà

VERSANTE

Ovest – Sud Ovest

QUOTA

2160 m

DIFFICOLTA’

Difficile

TEMPO TOTALE DI PERCORRENZA

5 ore

BELLEZZA ITINERARIO

3

DISLIVELLO TOTALE

900 m

DISLIVELLO FERRATA

200 m

PERIODO

Da maggio ad ottobre (attenzioni alle nevicate di primavera o precoci).

FREQUENTAZIONE

Alta

MATERIALI

Normale dotazione da ferrata. In caso di presenza di neve prevedere attrezzatura appropriata.

ACCESSO

Costeggiando il Camping Olympia si segue dapprima strada forestale con segnavia 417; poi si imbocca il sentiero 408 che, con ripide serpentine nel bosco della Val Fiorenza, sale al Passo Posporcora. Da qui si prosegue, a destra, per tracce di passaggio fra i mughi arrivando in breve alle rocce dell’ attacco posto nei pressi di una grotta.

DIFFICOLTA’ DESCRIZIONE

Itinerario breve ma esposto che richiede buona esperienza.

DESCRIZIONE SALITA

Dalla targa della ferrata si sale per rocce e mughi fino al verticale spigolo che, guardando verso la Valle del Boite e la conca di Cortina, segna la direttrice della via. Da qui cominciano le corde fisse che concludono ad una spalla e poi alla vetta. Dall’ attacco si supera un erto diedro coperto da mughi per poi arrivare su rocce più pulite del centro dello spigolo. Quindi, superato un camino e affrontata una breve ed esposta traversa, si salgono le rocce fino alla terrazza sottostante la cima. Un ultimo salto attrezzato con pioli in ferro, consente di arrivare in vetta.

DESCRIZIONE DISCESA

Dalla cima si segue lungamente il sentiero segnavia 447 che scende verso nord e più a valle si ricongiunge alla strada forestale e da qui al parcheggio della partenza.

NOTE

Bella ed impegnativa via ferrata che percorre l’ esposta parte sud ovest del Col Rosà, isolata punta rocciosa tra le Tofane e il Pomagagnon. La seppur breve e verticale salita è di estrema soddisfazione per l’ esperto escursionista, accolto sulla cima dall’ insospettato belvedere sulla Valle e sulle montagne di Cortina.

AVETE BISOGNO DI

Il consiglio delle Guide Alpine

“E’ una bella ferrata che si può fare già ad inizio stagione. In alcune parti è esposta, ma sempre ben protetta. La vista dalla piramide del Col Rosà è davvero grandiosa.”   Carlo Alverà

Prenota Ora